Programma una demo
Login to console
  • Gestione delle Preferenze

  • Tecnologia

  • Consenso

Come prepararsi ad un futuro senza cookie? È il momento di rendere la privacy più positiva.

giugno 7, 2021 by Chiara Saullo

I cookie di terze parti sono giunti alla fine della loro corsa. Dopo Apple, Safari e Mozilla Firefox, anche Google ha annunciato che smetterà di supportare i cookie di terze parti sul suo browser Chrome nel 2022. Dato che oltre l'85% della navigazione online viene effettuata su queste piattaforme, un cambiamento significativo è imminente. Le aziende affidabili che incorporano tali considerazioni sulla privacy nella loro pianificazione a lungo termine ne trarranno beneficio. Coloro che invece non lo faranno saranno destinati ad essere messi sempre più in discussione.

 

Sommario: 

 

 


 

Cosa significa in pratica un futuro senza cookie?

 

Secondo Didomi, lo spazio pubblicitario online sarà ora diviso in due categorie distinte.

 

La prima categoria è quella senza cookie, dove sarà molto più difficile identificare un utente e tracciare la navigazione sul web e attraverso i vari dispositivi. 

 

Il presupposto che gli utenti sono facilmente identificabili durante la loro navigazione digitale non ci sarà più.  Ad ogni modo, anche se non sarà più possibile identificare le persone, la pubblicità non si fermerà. Piuttosto, la necessità di affidarsi ai cookie sarà sostituita da altre tecniche e progressi come la privacy differenziale.  

 

La seconda di queste due categorie si basa ancora sui dati dell'utente, ma con una differenza fondamentale. Si basa su dati che l'utente ha acconsentito a fornire. 

 

Se gli utenti hanno fiducia nell'azienda, acconsentiranno all'uso dei loro dati personali. Come tale, l'azienda manterrà la capacità di estrarre i dati personali e, cosa fondamentale, la capacità di avere più conoscenza sulla sua base di utenti.

 

È qui che Didomi si colloca, poiché crediamo che questo scenario di fiducia illustri il futuro della raccolta dei dati.

 

Secondo noi, è il momento di trasformare la privacy in qualcosa di positivo. 

 

Privacy Made Positive™

Recentemente, Securys Limited ha commissionato a Kantar un sondaggio su più di 4.000 consumatori in Gran Bretagna, Irlanda, Francia e Germania per capire se la privacy influisce sulle scelte di acquisto e sulla fedeltà al marchio.

 

Avendo già stabilito una relazione con Securys a partire da un webinar passato in cui abbiamo discusso l'importanza di promuovere l'etica dei dati, Didomi ha sponsorizzato questo sondaggio nella convinzione condivisa che la privacy possa essere qualcosa di positivo. 

 

I risultati sono stati chiari: i consumatori si preoccupano della privacy dei dati e sono disposti ad agire se un marchio non soddisfa le loro aspettative. 

 

Più dell'85% delle persone in tutti i paesi dice di capire il significato dei dati personali, e un'alta percentuale è preoccupata di come vengono utilizzati (70% in Inghilterra e Francia, 75% in Irlanda). 

 

Questo si riflette nelle abitudini dei consumatori. Circa due terzi dei consumatori modificano le loro decisioni di acquisto in linea con gli sforzi sulla privacy dei fornitori. Circa il 70% in GB, Francia e Irlanda non comprerà da un fornitore se è preoccupato del comportamento di quest’ultimo in materia di privacy.

 

PRIVACY MADE POSITIVE - results

 

Gli utenti vogliono essere informati sul motivo per cui i loro dati vengono raccolti, e apprezzano le aziende con pratiche di dati trasparenti.

 

La fiducia diventerà un fattore cruciale di differenziazione competitiva, poiché sarà alla base dell'intero processo di raccolta dei dati. Le aziende e gli editori avranno ancora accesso a quei dati così importanti, ma in un modo molto diverso, con processi e priorità diverse. 

 

Indipendentemente dalla tecnologia che usi, o dal settore in cui lavori, il consenso e la gestione delle preferenze saranno estremamente importanti in un mondo senza cookie.

 

Privacy Made Positive™ E-book: La prova che i consumatori agiscono sulla privacy.

Scarica l'e-book se vuoi sapere cosa pensano i consumatori europei della privacy, come influisce sulle loro decisioni di acquisto e perché la tua azienda dovrebbe preoccuparsi. La nostra ricerca Privacy Made Positive™ convincerà i tuoi colleghi, il consiglio di amministrazione e gli investitori a interessarsi all'investimento nella privacy!

 

Scarica l'e-book (EN)

 

PRIVACY MADE POSITIVE - Download e-book Socials

 

I consigli di Didomi per navigare in un mondo senza cookie 

 

Abituati ad avere utenti e clienti anonimi.

La tecnologia si sta chiaramente muovendo in questa direzione, con annunci come le caratteristiche di privacy di Apple iOS14 che mandano onde d'urto in tutto il settore. 

 

Ma, a prescindere dai cambiamenti tecnologici e dalla crescente regolamentazione dei dati, le persone hanno un diritto fondamentale alla privacy. Questo è il fulcro delle origini di internet, l'idea che le persone abbiano il diritto a una libertà di informazione e che sia un luogo dove non vengano tracciate. 

 

Quale percentuale della popolazione di internet desidera rimanere completamente anonima e privata? Forse non così tanti, ma quelli che ci tengono saranno molto influenti, e avranno la capacità di distruggere la tua reputazione.  

 

Come Warren Buffet ha notoriamente detto: "Ci vogliono 20 anni per costruire una reputazione e cinque minuti per rovinarla. Se pensi a questo, farai le cose in modo diverso".

 

Questa potrebbe essere una pillola amara da ingoiare. Ma, dopo aver riflettuto, scoprirai che potrebbe non essere così amara dopo tutto. Infatti, a lungo termine, abituarsi ad avere utenti e clienti anonimi sarà vantaggioso per la tua azienda, in quanto ti permetterà di concentrarti sui dati che contano davvero: i dati consenzienti.

 

Nell'era di internet, la fiducia è il più importante motore di successo nel commercio.

La recente ricerca Privacy Made Positive™ ha rivelato che quattro quinti dei consumatori credono che la trasparenza sia importante per fidarsi di un'azienda o di un marchio.

 

PRIVACY MADE POSITIVE - Linkedin (8) (2)

 

Scelte di consenso complesse, esperienza utente spiacevole e sfiducia avranno un enorme impatto sul comportamento dei clienti. Le aziende dovrebbero costruire esperienze di consumo incentrate sulla privacy per evidenziare che hanno a cuore la trasparenza. 

 

Infatti, in tutti i paesi inclusi nella ricerca Privacy Made Positive™, circa il 60% delle persone ha cancellato o smesso di comprare un prodotto a causa delle preoccupazioni sulla privacy.

 

PRIVACY MADE POSITIVE - Linkedin (4) (2)

 

La fine dei cookie di terze parti ti lascerà completamente al buio sul comportamento degli utenti, a meno che tu non adotti il metodo del "basta chiedere". Metti i tuoi utenti al comando, e dai la possibilità di scegliere in merito al tracciamento sui siti web. Rielabora le tue politiche sulla privacy per una chiarezza al 100%, e investi in migliori spiegazioni legali.

 

La tua capacità di generare fiducia e di ottenere il consenso dei tuoi utenti sarà direttamente collegata alla tua capacità di generare ricavi. Pertanto, il tasso di consenso dovrebbe diventare un KPI chiave da seguire. 

 

La privacy deve essere intrecciata in tutto ciò che fai, piuttosto che essere vista come un'aggiunta. Deve essere parte della tua attività di marketing, e deve essere parte dello sviluppo del tuo prodotto. Se costruisci la privacy nel tuo prodotto, il tuo prodotto ha più valore. Non vederla come un costo, ma piuttosto come un beneficio.

 

“È ora di rivalutare il tuo modello di business se si basa su dati non consensuali. Con un movimento crescente a favore della pubblicità orientata alla scelta e il monitoraggio basato sul permesso, i dati di prima parte non sono mai stati così importanti. Anche se questo può significare una diminuzione del volume dei dati, capire meglio i tuoi clienti non riguarda la quantità dei dati, ma la loro qualità. Si tratta di un processo fondato sulla fiducia, poiché i dati provengono dal permesso dei consumatori.” 

- Romain Gauthier, CEO @Didomi 

 

Come può prepararsi la tua azienda?

 

Il cambiamento è imminente e un sistema di fiducia e consenso segnerà il futuro della raccolta dei dati.

 

Quindi, come può prepararsi la tua azienda?

 

Prenditi del tempo per capire i dati che stai attualmente raccogliendo

Fai un passo indietro e inverti il tuo modo di pensare. Piuttosto che raccogliere freneticamente enormi quantità di dati e poi cercare di dargli un senso usando l'IA o altre tecnologie, cerca di capire dove esattamente dai valore ai tuoi clienti quando usi i loro dati, e concentrati su questo. 

 

Le buone pratiche di privacy influenzano il comportamento dei consumatori in tutte le fasce d'età. Non sono più principalmente i giovani ad essere "attivisti della privacy", ma intere nazioni di individui per i quali una buona privacy vende e una cattiva privacy respinge.  

 

Inizia ad investire nell'esperienza utente e nella trasparenza. Se gli utenti sanno che i loro dati vengono raccolti per fornire loro un'esperienza più ottimizzata, sono molto più propensi ad acconsentire. L'esperienza del cliente è un elemento di differenziazione cruciale e un fattore importante nell'esperienza del cliente è la fiducia. 

 

Fondamentalmente, la logica è molto semplice: si tratta della qualità dei dati, non della loro quantità. Questo è il più grande cambiamento di mentalità che l'industria sarà costretta ad adottare.

 

Investi in tecnologie di gestione del consenso e delle preferenze fatte su misura

Tra le tante soluzioni innovative, ci sono innovatori nella gestione del consenso e delle preferenze come Didomi, che possono aiutarti a costruire e mantenere una potente infrastruttura di gestione del consenso, creando strumenti per registrare, archiviare e recuperare il consenso, trasmettendolo a diversi partner quando necessario. 

 

Didomi costruisce una tecnologia che aiuta le aziende a mettere i loro utenti in controllo dei loro dati personali. Così facendo, generano una fiducia preziosa e gettano le basi per una crescita consapevole della privacy.

 

I nostri prodotti includono una piattaforma di gestione del consenso (CMP) adottata a livello globale, che raccoglie miliardi di consensi ogni mese. Offriamo anche un Preference Center (PC) molto popolare, che dà agli utenti un controllo granulare sulle loro preferenze di comunicazione e dati. 

 

Questi strumenti rendono l'esperienza dell'utente più fluida e il processo di raccolta dei consensi più facile, permettendo alle aziende di porre la privacy ad un livello organizzativo e strategico del loro business. 

 

Per concludere, la fiducia nei cookie e nei dati di terze parti dovrà cessare. Il cambiamento fa sempre paura. Ma va bene così. Infatti, anche se può richiedere un periodo di duro adattamento, a lungo termine è sicuramente una buona cosa. 

 

La fiducia sarà il fondamento della futura raccolta di dati, e il movimento dal marketing guidato dai dati al marketing incentrato sul cliente non solo proteggerà i diritti degli utenti, ma incoraggerà le aziende a raccogliere dati di alto valore e di buona qualità. 

 

Un mondo senza cookie non segna la fine della raccolta dei dati, ma piuttosto un nuovo inizio. Un nuovo inizio in cui la privacy diventa più positiva. 

 

Contatta Didomi per maggiori informazioni.

 

Programma una demo