Programma una demo
Login to console
  • RGPD

  • Gestione delle Preferenze

  • Consenso

  • SDK

Come instaurare un rapporto di fiducia con gli utenti e generare ricavi utilizzando il Preference Center

novembre 24, 2021 by Chiara Saullo

Prendendo spunto dal webinar che abbiamo organizzato recentemente sul “Perché il consenso sta diventando uno degli ICP più importanti da seguire in ambito aziendale”, abbiamo deciso di realizzare una serie di articoli, in tre parti, sul tema del consenso come ICP. Nei post precedenti abbiamo discusso se il consenso sia un inconveniente oppure un'opportunità di business, ed abbiamo illustrato come una piattaforma di gestione del consenso (CMP) possa essere utilizzata per ottimizzare la raccolta del consenso online. Vi diamo il benvenuto all’ultimo articolo di questa trilogia, nel quale esaminiamo la raccolta del consenso attraverso diversi canali, sia online che offline, attraverso l'uso di un Preference Center.

 

Sommario 

 

 


 

Cos'è il consenso e perché è importante?

 

Il consenso è definito dal GDPR come una delle 6 basi legali per la raccolta dei dati, e deve essere dato liberamente, in modo specifico, informato ed inequivocabile. Inoltre, dare il consenso per la raccolta di dati deve essere tanto facile quanto revocarlo. Noi di Didomi crediamo che il consenso debba essere la principale base legale per la raccolta dei dati, perché sono in ballo la conoscenza, la comprensione e la fiducia dei vostri clienti.

 

I clienti sono interessati al consenso?

In questo periodo di "Privacy Transition", i consumatori si aspettano di essere informati e di avere la possibilità di scegliere: vogliono sapere esattamente in che modo saranno utilizzati i loro dati ed avere le opzioni di dare e revocare il loro consenso. Il consenso è un simbolo di scelta e trasparenza che ispira fiducia, e la fiducia è uno strumento necessario per incrementare i ricavi. Sì, i clienti sono interessati al tema del consenso e, sì, il consenso è davvero un'opportunità di business.

 

Nell'articolo precedente, abbiamo spiegato in che modo una Consent Management Platform (CMP) consenta di ottimizzare la raccolta del consenso online (su siti web ed app). Tuttavia, il consenso può essere impiegato anche per la raccolta di dati attraverso molti altri canali, sia online che offline. A tal proposito, il Preference Center diventa un punto di riferimento.

 

Cos'è un Preference Center?

 

Un Preference Center, o "preference management center", è una piattaforma di gestione delle impostazioni relative alle sottoscrizioni. Vi permette di centralizzare la raccolta dei consensi, e quindi delle preferenze dei vostri clienti, su diversi canali (e-mail, telefono, cookie ed altri), poiché gli utenti non solo sono in grado di decidere precisamente quali dati vogliono condividere con voi, ma anche di indicare la frequenza ed il contenuto delle condivisioni. 

 

Attraverso un Preference Center, è possibile registrare il consenso e le preferenze sia online che offline (consenso delegato). Ed è anche più preciso grazie alla segmentazione dei temi e dei canali. Il suo valore aggiunto? Aumentare la rilevanza e migliorare il targeting delle comunicazioni per soddisfare le aspettative degli utenti, fornendo loro, al tempo stesso, un'esperienza ottimale.

 

 

Volete migliorare l'esperienza e la fiducia dei vostri utenti attraverso l'uso di un centro di preferenze? Contattateci.

 

 

Scopri il Preference Management Platform

 

Che tipi di segmentazione possono essere configurati tramite il Preference Center?

Parliamo in termini concreti, quali dati possono essere analizzati utilizzando il Preference Center? Come potete vedere nell'immagine del SDK di Didomi, gli utenti possono effettivamente scegliere quali dati comunicare ad un marchio.

 

Questo consenso va ben oltre il semplice atto di accettare o rifiutare l'uso dei cookie. Ecco alcuni esempi delle scelte che gli utenti possono fare grazie al Preference Center di Didomi:

 

  • Gli utenti possono scegliere se iscriversi o meno alle newsletter,

  • Possono scegliere il modo in cui desiderano essere contattati da un marchio (per esempio via e-mail, telefono o posta),

  • Possono scegliere la frequenza nell’essere contattati dal marchio (settimanale, mensile, trimestrale)

  • Possono indicare determinati argomenti per i quali desiderano essere contattati dall’azienda (per esempio, possono scegliere di ricevere informazioni qualora siano in corso delle offerte, o relativamente alla presentazione di un nuovo prodotto).

 

 

Consolidare la fiducia degli utenti attraverso il Preference Center

 

Un Preference Center ha lo scopo di centralizzare tutti i dati che avete raccolto nel vostro CRM, e può essere collegato a qualsiasi strumento interno utilizzato per entrare in contatto con i vostri clienti. Rispettando le scelte degli utenti per quanto riguarda gli argomenti e la frequenza dei contatti, state senza dubbio costruendo un rapporto di fiducia tra loro ed il vostro marchio.

 

Date priorità alla qualità dei dati piuttosto che alla quantità

Ultimamente, il settore del marketing si sta spostando verso un approccio più incentrato sulla clientela, avendo compreso che è più importante valorizzare i dati dei clienti piuttosto che raccoglierne immense quantità che vengono poi sottoutilizzati. In passato, gli operatori di marketing si limitavano a raccogliere sempre più dati, poiché il software CRM era concepito in funzione della raccolta di dati. Più campi farete riempire ai vostri clienti, più completo apparirà il vostro CRM. Ma ottenere una maggiore quantità di dati non aiuta a costruire un approccio focalizzato sul cliente; la centralità del cliente è una questione di qualità, non di quantità.

 

L'importanza della scelta nella fidelizzazione dei clienti

Se ai clienti è stata data la possibilità di scegliere, ed hanno espressamente scelto l’opt-in, ci sono alte probabilità che leggano le vostre newsletter e che interagiscano con le comunicazioni del vostro marchio. Questo vi permetterà anche di conoscere meglio i vostri clienti. E di conseguenza, porterà alla fidelizzazione dei vostri clienti ed all'aumento delle vendite.

 

Perché il consenso sta diventando uno degli ICP più importanti da seguire in ambito aziendale

 

Questo ci porta davvero al punto cruciale, ovvero se il consenso stia effettivamente diventando uno degli ICP più importanti da seguire. Se state raccogliendo il consenso dei vostri utenti, la vera domanda che dovreste porvi, secondo noi, è "qual è il valore dei diritti degli utenti?".

 

Il consenso è molto più di un semplice requisito legale. È diventato un indicatore di performance fondamentale per le aziende, perché quanto più consenso viene raccolto, tanto più rifinito e dettagliato sarà il targeting degli utenti, e sarà quindi possibile incrementare i ricavi.

 

Tuttavia, questo è più di una semplice questione di fatturato. Se state raccogliendo dati sugli utenti, dovreste anche pensare a come vorreste che questi considerino il vostro marchio, ed a come vorreste trattare i vostri clienti. Pensateci bene, perché non rafforzare la fiducia nel vostro marchi, creando clienti fedeli che consiglino la vostra azienda ad amici e parenti?

Fino a pochi anni fa, i dipartimenti di marketing non avevano bisogno di collaborare con gli uffici legali e glii RPD, ma hanno iniziato a rendersi conto dell'enorme vantaggio per la reputazione dell’azienda dovuto al rispetto della normativa.

 

Molti marchi stanno accettando questa transizione verso il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati, conosciuta anche come "Privacy Transition", consapevoli del fatto che questo permetterà di costruire un rapporto di fiducia con gli utenti e, di conseguenza, di incrementare il fatturato. Volete essere i prossimi?

Programma una demo

 

Il Pierre & Vacances Center Parcs Group semplifica l'opt-in dei clienti in diversi paesi e lingue. 

 

Attraverso la promozione di una migliore esperienza di gestione delle preferenze, genera fiducia tra gli utenti ed incrementa gli utili. Vuoi scoprire come? Programma una demo con noi!

 

Programma una demo

 

Pierre & Vacances Center Parcs Group ottimizza l'opt-in dei clienti in più paesi e lingue. Generano la fiducia degli utenti fornendo una migliore esperienza di gestione delle preferenze. Vuoi scoprire come hanno fatto?

 

 

Scarica il caso di studio

 

PVCP _ Rectangle template _ Blue (IT)

 

Articolo correlato